Da oggi è in vigore il Regolamento EU n. 650/2012 e, con esso, il rilascio del certificato successorio europeo (CSE), delegato per l’Italia al Notaio. Il Notaio italiano sarà competente a rilasciare il CSE quando il defunto aveva la residenza abituale in Italia ovvero quando lo stesso ha scelto la legge italiana, o ancora nelle ipotesi previste dagli artt. 10 e 11 del Regolamento.L’effetto del CSE è davvero rilevante infatti gli elementi accertati e oggetto della certificazione si presumono esatti (art. 69, par.2): si presume quindi che la persona indicata come erede, legatario, esecutore testamentario o amministratore dell’eredità possieda la qualità indicata nel certificato e/o i poteri enunciati nello stesso, senza nessun’altra condizione e/o restrizione ulteriore rispetto a quelle specificatamente menzionate.